• Register

LA NOSTALGIE DU CORPS PERDU

la nostalgie du corps perduAlessandro Diaco, Italia 2011, col-b/n, 58’
Raccontare una ricerca sociologica (ma vale per ogni ricerca?) attraverso un viaggio geografico e interiore che riporta a casa. Un film che parla del corpo. Riflessione su sport e migrazione. La vita di Luis Yepez a Genova. Ex Pandillero, migrante ecuadoriano, pugile, panettiere. Sportivi italiani non proprio italiani? Considerazioni inopportune sulla terminologia con cui definiamo categorie e orizzonti sociali... il fuoco...

Alessandro Diaco videomaker e assegnista presso il Laboratorio di Sociologia Visuale dell'Università di Genova, lavora come videomaker free-lance ricoprendo incarichi da regista, direttore della fotografia, montatore e autore per progetti audiovisivi di vario formato: documentario, mockumentary, fiction, sigle, spot e videoclip. Come cineasta indipendente ha diretto i film-documentario La settimana spirituale”, “in between”, “Yo no me complico” e “La nostalgie du corp perdu”.

Letto 1245 volte Ultima modifica il Giovedì, 20 Settembre 2012 09:30