• Register

Marina Spada

Marina Spada è una regista, sceneggiatrice, produttrice e documentarista, molto attenta e interessata al tema delle figura femminile, che tratta in tutte le sue produzioni. Ricercatrice di nuove forme visive, tra arte e sperimentazione, delinea uno stile unico e intenso.

Nata a Milano nel 1957, nello storico quartiere Stadera, da una famiglia operaia, la Spada intraprende il suo percorso di formazione nello spettacolo diplomandosi alla Scuola di Arte Drammatica Paolo Grassi al Piccolo Teatro. È inoltre laureata in Storia della Musica.
Negli anni Settanta inizia i suoi primi passi nel settore musicale. Collabora, infatti, all'organizzazione di tourneè e concerti dei cantautori Finardi e Camerini, alternando il lavoro alla radio Canale '96.
Nel 1979 ha la prima grande occasione come assistente alla regia nel film Non ci resta che piangere, commedia esilarante che vede come attori (e registi) gli indimenticabili Massimo Troisi e Roberto Benigni. Oltre a lavorare come assistente di regia anche per la RAI, si specializza in documentari che raccontano la vita di grandi artisti italiani, tra i quali Leonetti, Pomodoro e De Biasi. Gira vari cortometraggi (Un giorno dopo l'altro, 1989, partecipa al Women Film Festival di Los Angeles) e negli anni Novanta alterna il lavoro di regista a quello di docente (di regia) presso la scuola di Cinema, Televisione e Nuovi Media di Milano.
Nel 2002 realizza una delle prime produzioni indipendenti e digitali in Italia: si tratta di Forza Cani, fatto grazie ad un azionariato popolare e autoprodotto dalla stessa regista. In questa pellicola ci sono già tutti i temi cari a Spada: lo spaesamento della vita moderna, l'immigrazione in Italia, la Milano del degrado.
Nel 2006 gira Come l'ombra, che partecipa alle giornate degli Autori alla Mostra del cinema di Venezia nello stesso anno. In Italia, l'opera verrà distribuita l'anno successivo, dopo aver partecipato a molti festival internazionali e ricevuto premi e riconoscimenti importanti. In questo caso le donne e la relazione con il contesto sociale e culturale in cui vivono viene messo in risalto da una Milano che ritorna più cosmopolita, ma non ancora pronta nel dare il benvenuto agli immigrati.
Nel 2008 è il produttore esecutivo di Mar Nero, film drammatico diretto da Federico Bondi. Nel 2009 torna dietro la macchina da presa e gira Poesia che mi guardi, rilettura dell'opera della poetessa Antonia Pozzi.
Dopo la commedia Metafisica per le scimmie, nel 2011 scrive e dirige Il mio domani, opera intensa e affascinante, incentrata su una donna che si ritrova, dopo un lutto, a riconsiderare la propria vita e a scegliere di costruirsi un futuro in armonia con se stessa. La protagonista del film è interpretata da Claudia Gerini, perfetta nel ruolo.

Marina Spada è una regista, sceneggiatrice, produttrice e documentarista, molto attenta e interessata al tema delle figura femminile, che tratta in tutte le sue produzioni. Ricercatrice di nuove forme visive, tra arte e sperimentazione, delinea uno stile unico e intenso.
Nata a Milano nel 1957, nello storico quartiere Stadera, da una famiglia operaia, la Spada intraprende il suo percorso di formazione nello spettacolo diplomandosi alla Scuola di Arte Drammatica Paolo Grassi al Piccolo Teatro. È inoltre laureata in Storia della Musica.
Negli anni Settanta inizia i suoi primi passi nel settore musicale. Collabora, infatti, all'organizzazione di tourneè e concerti dei cantautori Finardi e Camerini, alternando il lavoro alla radio Canale '96.
Nel 1979 ha la prima grande occasione come assistente alla regia nel film Non ci resta che piangere, commedia esilarante che vede come attori (e registi) gli indimenticabili Massimo Troisi e Roberto Benigni. Oltre a lavorare come assistente di regia anche per la RAI, si specializza in documentari che raccontano la vita di grandi artisti italiani, tra i quali Leonetti, Pomodoro e De Biasi. Gira vari cortometraggi (Un giorno dopo l'altro, 1989, partecipa al Women Film Festival di Los Angeles) e negli anni Novanta alterna il lavoro di regista a quello di docente (di regia) presso la scuola di Cinema, Televisione e Nuovi Media di Milano.
Nel 2002 realizza una delle prime produzioni indipendenti e digitali in Italia: si tratta di Forza Cani, fatto grazie ad un azionariato popolare e autoprodotto dalla stessa regista. In questa pellicola ci sono già tutti i temi cari a Spada: lo spaesamento della vita moderna, l'immigrazione in Italia, la Milano del degrado.
Nel 2006 gira Come l'ombra, che partecipa alle giornate degli Autori alla Mostra del cinema di Venezia nello stesso anno. In Italia, l'opera verrà distribuita l'anno successivo, dopo aver partecipato a molti festival internazionali e ricevuto premi e riconoscimenti importanti. In questo caso le donne e la relazione con il contesto sociale e culturale in cui vivono viene messo in risalto da una Milano che ritorna più cosmopolita, ma non ancora pronta nel dare il benvenuto agli immigrati.
Nel 2008 è il produttore esecutivo di Mar Nero, film drammatico diretto da Federico Bondi. Nel 2009 torna dietro la macchina da presa e gira Poesia che mi guardi, rilettura dell'opera della poetessa Antonia Pozzi.
Dopo la commedia Metafisica per le scimmie, nel 2011 scrive e dirige Il mio domani, opera intensa e affascinante, incentrata su una donna che si ritrova, dopo un lutto, a riconsiderare la propria vita e a scegliere di costruirsi un futuro in armonia con se stessa. La protagonista del film è interpretata da Claudia Gerini, perfetta nel ruolo.

Marina Spada è una regista, sceneggiatrice, produttrice e documentarista, molto attenta e interessata al tema delle figura femminile, che tratta in tutte le sue produzioni. Ricercatrice di nuove forme visive, tra arte e sperimentazione, delinea uno stile unico e intenso.
Nata a Milano nel 1957, nello storico quartiere Stadera, da una famiglia operaia, la Spada intraprende il suo percorso di formazione nello spettacolo diplomandosi alla Scuola di Arte Drammatica Paolo Grassi al Piccolo Teatro. È inoltre laureata in Storia della Musica.
Negli anni Settanta inizia i suoi primi passi nel settore musicale. Collabora, infatti, all'organizzazione di tourneè e concerti dei cantautori Finardi e Camerini, alternando il lavoro alla radio Canale '96.
Nel 1979 ha la prima grande occasione come assistente alla regia nel film Non ci resta che piangere, commedia esilarante che vede come attori (e registi) gli indimenticabili Massimo Troisi e Roberto Benigni. Oltre a lavorare come assistente di regia anche per la RAI, si specializza in documentari che raccontano la vita di grandi artisti italiani, tra i quali Leonetti, Pomodoro e De Biasi. Gira vari cortometraggi (Un giorno dopo l'altro, 1989, partecipa al Women Film Festival di Los Angeles) e negli anni Novanta alterna il lavoro di regista a quello di docente (di regia) presso la scuola di Cinema, Televisione e Nuovi Media di Milano.
Nel 2002 realizza una delle prime produzioni indipendenti e digitali in Italia: si tratta di Forza Cani, fatto grazie ad un azionariato popolare e autoprodotto dalla stessa regista. In questa pellicola ci sono già tutti i temi cari a Spada: lo spaesamento della vita moderna, l'immigrazione in Italia, la Milano del degrado.
Nel 2006 gira Come l'ombra, che partecipa alle giornate degli Autori alla Mostra del cinema di Venezia nello stesso anno. In Italia, l'opera verrà distribuita l'anno successivo, dopo aver partecipato a molti festival internazionali e ricevuto premi e riconoscimenti importanti. In questo caso le donne e la relazione con il contesto sociale e culturale in cui vivono viene messo in risalto da una Milano che ritorna più cosmopolita, ma non ancora pronta nel dare il benvenuto agli immigrati.
Nel 2008 è il produttore esecutivo di Mar Nero, film drammatico diretto da Federico Bondi. Nel 2009 torna dietro la macchina da presa e gira Poesia che mi guardi, rilettura dell'opera della poetessa Antonia Pozzi.
Dopo la commedia Metafisica per le scimmie, nel 2011 scrive e dirige Il mio domani, opera intensa e affascinante, incentrata su una donna che si ritrova, dopo un lutto, a riconsiderare la propria vita e a scegliere di costruirsi un futuro in armonia con se stessa. La protagonista del film è interpretata da Claudia Gerini, perfetta nel ruolo.

Letto 742 volte Ultima modifica il Mercoledì, 26 Settembre 2012 10:07
Altro in questa categoria: Fiorella Infascelli »